Editoriale
 La rivista
 Numero in edicola
 Nel prossimo numero
 Articolo del mese
 Indice articoli
 Le schede dei pesci
 Ricerca avanzata pesci
 Le schede delle piante
 Ricerca avanzata piante
 Guida al mercato
 Mailing list
 Links utili
 Le vostre foto
 La posta
 Le aziende del settore
 Domande & Risposte
 Come Abbonarsi
 Norme sulla privacy
 

NOME SCIENTIFICO:
Corydoras aeneus
NOME COMUNE:
Nessuno
FAMIGLIA:
Callittidi
SINONIMI: Nessuno
HABITAT: Scoperta nelle acque di Trinidad, questa specie è in realtà diffusa – con numerose varianti geografiche – su una vasta area compresa tra il Venezuela e il bacino del Rio La Plata, tra l’Uruguay e l’Argentina. Vive sia in acqua correnti che stagnanti, preferendo i piccoli corsi d’acqua con fondo sabbioso.
LUNGHEZZA: Fino a 7 cm.
DIMORFISMO: Femmine più grandi e tozze, gonfie di uova nel periodo degli accoppiamenti.
COMPORTAMENTO: È uno “spazzino” socievole e pacifico; molti commettono l’errore di tenerne un solo esemplare mentre più opportno sarebbe allevarne almeno 4-5 insieme, accorgimento che permette tra l’altro di vederli più facilmente in quanto individui isolati tendono ad appartarsi durante il giorno.
ALLEVAMENTO: Ideale per il principiante e per le vasche “miste”, convive senza problemi con tutti i più comuni pesci d’acquario. Si adatta ad ogni tipo di acqua e può vivere anche in acquari non riscaldati, con temperatura compresa tra 18 e 28° C. Capacità minima della vasca: 80 l. Onnivoro, questo “spazzino” predilige però i mangimi animali e gradisce un’integrazione a base di vermetti tubifex, larve di zanzara, enchitrei e artemie. Ne esiste un’apprezzata varietà albina, simile a quella di C. paleatus. È uno dei pesci d’acquario più longevi, può raggiungere in cattività i 27 anni di vita!.
RIPRODUZIONE: Non difficile, anche se generalmente occasionale perché non ricercata dall’acquariofilo. Un graduale calo della temperatura (anche di 5° C) e un consistente cambio parziale dell’acqua sembrano stimolare i riproduttori, imitando le condizioni che si verificano in natura durante la stagione delle piogge. Spesso una singola femmina è “inseguita” da più maschi desiderosi di accoppiarsi. Vengono deposte 5-15 uova per volta (in genere fino a un massimo di 2-300, ma grosse femmine arrivano a deporne anche il doppio), attaccate su vetri, piante e oggetti sommersi. La schiusa avviene dopo 3-4 giorni, i piccoli possono essere nutriti con mangime in polvere, vermetti “mikro” e naupli di artemia.

 

TORNA ALLA PAGINA PRECEDENTE

 

Copyright Sered S.r.l. - Powered by Idwa © 2002/2003